SA DIE DE SA FRATERNIDADE.

Evento

SA DIE DE SA FRATERNIDADE” | Grande festa a Montecchio di Vallefoglia

 

L’Associazione Culturale Sarda “Eleonora d’Arborea” di Pesaro, domenica 17 settembre 2017 ha celebrato l’ottava edizione della giornata culturale Sarda, denominata “SA DIE DE SA FRATERNIDADE”, all’insegna della fratellanza e della solidarietà con la raccolta di aiuti “Pro alluvionati di Livorno”.

L’evento, grazie ai buoni rapporti esistenti tra la comunità dei sardi e quella locale, si è tenuto a Montecchio con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune di Vallefoglia, la collaborazione della Pro Loco e la partecipazione del comune di Torpé, ospite con i suoi amministratori, le tradizioni, l’ambiente naturale, l’artigianato e l’arte.

Con Torpè l’Associazione ha un particolare amicizia dovuta al fatto che nell’immediato dell’alluvione del 18 novembre 2014 che colpi decine di famiglie del comune si era prodigata, insieme alla Federazione dei circoli Sardi e tra soci e non, per raccogliere fondi e donarli alle famiglie bisognose d’aiuto e per finanziare il restauro della cappella del cimitero danneggiata dal ciclone.

La giornata si è svolta con grande partecipazione di pubblico, fin dalla S. Messa nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Montecchio di Vallefoglia, celebrata con canti sardi molto apprezzati (Deus ti salvet, Maria “e “Non potho reposare”).  Poi corteo in costume del Gruppo Folk Torpè “Eugenio Chessa” con balli e musica della tradizione culturale sarda.

Raggiunto la sede della festa e salutato i partecipanti, si è passati a degustare il menù di prodotti tipici eno-gastronomici sardi: formaggio, salsicce e olive per antipasto, malloreddus al sugo di cinghiale e polenta marchigiana ai funghi per primo piatto, porceddu allo spiedo come secondo, un tris di dolci, ed infine mirto e caffè, poi intrattenimento musicale fino a sera.

L’evento si è concluso con il reciproco intendimento di incontrarsi a Torpè nella prossima primavera per visitare anche lo splendido Parco Naturale Regionale dell’Oasi di Tepilora proclamato dall’UNESCO riserva della biosfera, il Nuraghe di San Pietro, il Rio Posada, il Monte Tepilora e le bellissime località marine di Posada e la Caletta.

Tre comunità che s’incontrano nel nome della fraternità e della solidarietà porterà ad una crescita per tutti i partecipanti e ricadute positive sulla collettività Sarda e Marchigiana.

La Festa della Fratellanza e dell’Amicizia

Montecchio di Vallefoglia, 17 set. 2017 – L’Associazione Culturale Sarda “Eleonora d’Arborea” di Pesaro organizza anche quest’anno il ricorrente appuntamento ed incontro ricreativo e culturale denominato “SA DIE DE SA FRATERNIDADE”, un evento che, insieme alla comunità dei Sardi della Provincia di Pesaro e Urbino e ad un comune dell’isola prescelto, accolgono amici sardi nel segno della fraternità e dell’unione.

Considerati i buoni rapporti tra la comunità dei sardi e quella locale, l’iniziativa del 2017 sarà realizzata a Montecchio con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune di Vallefoglia e della Pro Loco del posto.

Giunta alla sua ottava edizione, Sa Die de Sa Fraternidade è un incontro tra tre comunità: quella dei sardi che vivono nel nostro territorio, quella dei marchigiani e quella dei sardi che vivono nell’isola; è una giornata dedicata alla circolarità di rapporti che deve nutrire e fare crescere tutti.
I sardi in visita a Vallefoglia vogliono far conoscere la vera Sardegna ed i Marchigiani della provincia di Pesaro e Urbino desiderano accogliere nel loro territorio gli amici dell’isola. Si tratta, dunque, del reciproco desiderio di puntare allo scambio e alla vicendevole conoscenza. Ecco perché queste due comunità si incontrano: prima nel pesarese e a primavera nel nuorese, a Torpè (che si trova a pochi minuti dal mare, a soli 5 chilometri) in una stupefacente area dove si passa dalla visione di una gamma di colori azzurri e turchesi delle acque marine a quella dei mille verdi suggestivi di un paesaggio montano da mozzafiato.

          
E gli abitanti di Torpè sono stati capaci di preservare il loro splendido Parco Naturale Regionale dell’Oasi di Tepilora che, grazie alle sue foreste incontaminate, sentieri, sorgenti e corsi d’acqua, lo scorso mese di giugno, a Parigi, è stato proclamato patrimonio dell’UNESCO in quanto “Riserva della biosfera”

Con la manifestazione “Sa die de sa Fraternidade” quest’anno – oltre a celebrare la festa nel segno della fratellanza e dell’unione tra i sardi emigrati nella zona di Vallefoglia con la popolazione locale – s’intende, promuovere la conoscenza del territorio di un Comune sardo nella zona montana del nuorese. Saranno presentate le tradizioni, l’ambiente naturale, le migliori espressioni di artigianato e dell’arte del territorio proposto che è Torpè, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, l’esibizione del Gruppo Folkloristico di Torpè “Eugenio Chessa”, l’esposizione di materiale editoriale e pubblicazioni oltre ai prodotti alimentari, dolci e vini tipici del luogo

.

La finalità è anche quella di rafforzare i legami con la Sardegna attraverso forme di collaborazione economiche, sociali e culturali tra i nostri soci, gli abitanti del Comune di Torpé e la Comunità Marchigiana della Provincia di Pesaro e Urbino.
I Sardi residenti nel territorio della Valle del Foglia sono entusiasti ed hanno dato la loro disponibilità, insieme a familiari e amici, a partecipare all’evento grazie anche al coinvolgimento della ProLoco e degli abitanti.

Per informazioni e prenotazioni telefonare, entro il 10 settembre, ai n° cell. 349 1566 139 oppure 349 255 8296.

Si prega di pubblicare. Grazie!

PROGRAMMA
La festa è domenica 17 settembre 2017 e si svolge come segue:
11.15 S. Messa nella Chiesa di Santa Maria Assunta A Montecchio di Vallefoglia
12.30 Saluti di benvenuto e brindisi
13.00 La Cucina Marchigiana e quella Sarda si incontrano
15.30 Intrattenimento del Gruppo Folk Torpè “Eugenio Chessa” con balli, musica e canti della tradizione culturale sarda fino alle 18.30.

MENU
Il menù prevede una degustazione di prodotti tipici eno-gastronomici sardi:
Antipasto_Pecorino, Salsiccia e Olive con Pane Carasau di Torpé
Primi piatti_Malloreddus nuoresi al Cinghiale e Polenta ai Funghi
Secondo piatto_Maialetto allo Spiedo cucinato da esperti arrivati appositamente dall’isola con contorni
Vino Cannonau , Dolci e Liquori sardi, Caffè

Back to Top