Sardegna in Piazza …la recensione di Tottus in Pari.

7 Aprile 2015

Evento

di Luigi Lilliu
Nei giorni dell’ultimo fine settimana, a cavallo della Santa Pasqua, la città di Pesaro ha ospitato la manifestazione “Sardegna in Piazza”, consistita nell’esposizione e vendita di una vasta gramma di prodotti
di enogastronomia e di artigianato artistico della Sardegna, che i F.lli Dino e Gianni
Malduca di Pattada hanno propostoal pubblico marchigiano con la formula del mercato itinerante.
La gente ha riconosciuto e apprezzato una Sardegna attiva che si confronta attraverso la
qualità dei suoi prodotti tipici, graditissimi dai consumatori sia novizi che esperti, quasi tutti
attratti anche dalla suggestione che l’isola esercita per le sue prerogative naturalistiche, che non sono soltanto incantevoli spiagge ma territorio, popolo, storia, tradizione e originalità dei prodotti agroalimentari e manifatturieri.
Infatti, passeggiare tra gli stand è stato come immergersi in un angolo della Sardegna, tra profumi
e colori di una regione che al tempo stesso è meta turistica e culla di antiche civiltà che sono ancora oggi vive e presentinella sua gente, la quale ne custodisce gelosamente l’integrità, con effetti di generale conoscenza divulgativa e fruibilità turistica sul posto.
La locale Associazione Culturale Sarda “Eleonora d’Arborea”, nel cogliere gli aspetti più rappresentativi
della sardità insiti nell’iniziativa

– in aderenza ai propri scopi statutari –
ha ritenuto opportunovalorizzare il senso della manifestazione sul piano culturale, della tradizione e delle peculiarità naturalistiche e produttive dell’isola, organizzando i seguenti eventi collaterali svolti
si il giorno 4 aprile:
1.
Conferenza sulla biodiversità e nutrizione, nella Sala del Consiglio comunale, a cura del socio agronomo e giornalista Antonio Ricci, accademico dell’Accademia Nazionale Agricoltura, Direttore di Riviste scientifiche sull’alimentazione e prodotti alimentari e autore di numerose pubblicazioni di successo in materia e molto altro, il quale ha illustrato, con dovizia di riferimenti scientifici, i requisiti fondamentali che attengono all’Intera filiera dei prodotti agroalimentari.
Egli ha svolto una dotta analisi ed è stato brillante nel far percepire all’attentissimo pubblico l’importanza dei fattori ambientali e naturali, un unicum di biodiversità della Sardegna, che, a partire dal clima e pascoli,
contribuiscono alla genuina alimentazione del bestiame da latte e da carne con conseguenti effetti positivi sui prodotti derivati, ovviamente da preferire rispetto a quelli di non altrettanto certificata origine.
La stessa prerogativa qualitativa riguarda i prodotti arborei, agrumicoli, vitivinicoli e orticoli,
compresa la componente di trasformazione e conserviera che, proprio in relazione all’alto grado di purezza e armonia organolettica delle materie prime, offre maggiori garanzie e valore nutrizionale, a benefico dell’organismo umano.

L’oratore si è, altresì, soffermato sui rischi del mercato globalizzato, infestato di prodotti contraffatti e/o sofisticati di non facile individuazione da parte del consumatore, nonostante l’etichettatura sulla provenienza e le specifiche chimiche purtroppo non sempre attendibili, come continuamente riferiscono i mass media sui danni causati da detti alimenti (nocivi) incautamente o specularmente immessi sul mercato .

2.
Dopo la conferenza veramente calzante con la manifestazione e di grande rilevanza informativa, con puntuale rispetto di quanto programmato dall’Associazione “Eleonora d’Arborea”, ha avuto luogo l’esibizione del Gruppo Folk “Amedeo Nazzari” del Circolo di Bareggio.
Le aspettative create dalla sua nota bravura sono state ampiamente soddisfatte dalle esilaranti performances, prima nella Sala d’Onore del Comune e dopo nella Piazza del Popolo di Pesaro, tuffandosi
tra gli stand stracolmi di prodotti esposti ed allestiti con immagini simbolo della Sardegna: paesaggi meravigliosi e naturalmente tante bandiere dei quattro mori aderenti alle pareti dei gazebi e sventolanti sui pennoni.
Nonostante le avversità atmosferiche

pioggia ad intermittenza

il pubblico presente è andato letteralmente in visibilio e con ripetuti e calorosi applausi ha sottolineato la bravura degli artisti, che hanno evidenziato ammirevole passione, eccellente preparazione e travolgente simpatia, instaurando un ottimo rapporto con i pesaresi che hanno salutato con il
classico reciproco e sincero arrivederci.
Ciascun componente del Gruppo folk “Amedeo Nazzari”, compreso il bravissimo fisarmonicista Paolo Deiola, meriterebbe una personale menzione, ma accomuno i meriti di tutti nell’esaustiva presentazione dei balli da parte della competente, gentile e spigliata

Direttrice artistica Anna Deias.
Ove si consideri che la manifestazione è stata filmata dall’autorevole regista cinematografico e televisivo Gianni Minelli, è agevole dedurre che la sua importanza è notevole, sicuramente maggiore di quanto io non l’abbia potuta
descrivere nella succinta cronaca.
Sarà realizzato un DVD che naturalmente l’Associazione “Eleonora d’Arborea” di Pesaro è ben lieta di mettere a disposizione dei soci e amici interessati.

L’articolo

Back to Top